MONASTERO DI HAGHPAT

MONASTERO DI  HAGHPAT

A 6 km al sud della città di Alaverdi, nel villaggio omonimo si trova il monastero di Haghbat, il più grande complesso monastico dell’Armenia medievale.

E ‘stato costruito nel 3  secolo dal re Ashot III Bagratuni.

Nel 991 la chiesa di San Nshan è stata costruita con i suoi affreschi ancora visibili sopra l’altare maggiore. Il suo architetto fu Trdat, quello che ha costruito Ani  la capitale dell’Armena  Come molti altri monasteri, Haghpat anche usato per avere una ricca biblioteca, che ha svolto un ruolo eccezionale nella creazione e conservazione dei manoscritti  e cronache armene.
Molte volte è stato rovinato il monastero di Haghpat, derubato e spogliato da invasori stranieri. Durante la campagna selgiuchidi nella parte 12 secolo dei manoscritti  fu nascosto nelle grotte dai monaci. Quelli salvati sono dimostrate oggi a Matenadaran.

Il complesso Haghpat comprende il grande refettorio che copre una superficie di 340 m2, la più grande in Armenia. Nel 1245 fu costruito il campanile sofisticato. Nel 1257 padre Hamazasp costruito una grande cappella che fu poi chiamata la Casa di Hamazasp. Il complesso comprende anche la piccola chiesa di S. Gregorio (1005) e la cappella di S. Vergine (13  secolo). Il portico della chiesa di San Nshan si riferisce anche allo stesso periodo storico. Un certo numero croce di pietra stare nel cortile, il più famoso dei quali è “Il Salvatore” che riflette la scena della crocifissione e altri motivi biblici

Il nome del geniale poeta e compositore armeno Sayat-Nova è associato con il monastero Haghpat. Sayat-Nova è nato a Sanahin, ma ha vissuto e creato principalmente nel palazzo del re georgiano come il suo songster corte. Nel 1775 fu esiliato a Haghpat e vissuto male alla fine dei suoi giorni come un monaco. In una giornata limpida di sole il monastero di Haghpat è visibile da lontano e su un nebbioso solo suonare il campanello è udibile.

 

 

La costruzione della chiesa principale del grande complesso monastico fortificato di Haghpat, dedicata alla Santa Croce, iniziata nel 966-67 e fu completata nel 991. La cupola centrale poggia su quattro pilastri massicci nelle pareti laterali. Le pareti esterne sono quasi interamente coperti da nicchie triangolari. L’abside contiene un affresco del Cristo Pantocratore. L’edificio è completo e nella sua forma originale, a parte qualche 11th- e 12  secolo restauri, tra cui il grande gavit attraverso il quale si accede alla chiesa.

Il piano del nartece (gavit), costruita nel secondo decennio del 13  secolo, si differenzia nettamente in stile dalla chiesa principale. Un grande edificio nartece-tipo utilizzato per le riunioni, l’insegnamento e rituali funerari è basato su architettura vernacolare in legno, con il tetto sostenuto da quattro pilastri al centro della struttura. Volteggio divide l’interno del tetto in nove sezioni, la centrale di cui uno (yerdik) è la più alta e domina lo spazio interno, così come lo illumina. La chiesa è affiancato da un passaggio a volta di una grande jamatoun (sala capitolare), nello stesso stile, come la gavit, costruita nel 13 secolo. Collegato anche alla Chiesa è la biblioteca, un edificio quadrato compatto risalente al 12  secolo.

Potete trovare ulteriori informazioni su Proprietà armeni iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO qui:

 http://whc.unesco.org/en/statesparties/am

 

facebooktwittergoogle_plus