Tempio di Zvartnots

TEMPiO DI ZVARTNOTS


Il sito archeologico di Zvartnots è un esempio unico dell’architettura armena del periodo Cristiano. Costruzione del tempio fu iniziata da Catholicos Nerses III a metà del VII secolo . Per un certo tempo in 652 fu rinunciato il trono di Catholicos, poi dopo il suo ritorno al potere nel 658 ha completato la costruzione del tempio con i suoi annessi secolari e dei suoi bastioni nel 662. Zvartnots ha esercitato una grande influenza sull’architettura non solo del periodo di allora ma anche su quella dei secoli successivi. A pianta circolare e a tre piani, il suo unico prestito dallo stile delle chiese a cupola centrale era la pianta cruciforme interiore, che è stato istituito all’interno delle mura che erano circolare al suo interno ma poliedrico all’esterno. I resti di Zvartnots e dei suoi edifici annessi, che era stata distrutta da un terremoto nel X secolo , sono stati rivelati all’inizio del XX secolo dall’architetto Thoros Thoramanian , che ha effettuato il primo progetto di ricostruzione.

Nel 930 il tempio fu demolito in seguito ad un gran terremoto.

Dopo lunghi studi Toros Toromanian, architetto armeno eminente ricostruì il modello del tempio di Zvartnots. Il modello scoperto durante gli scavi nel territorio di Ani confermò l’ipotesi di Toromanian. Secondo lui il tempio era cruciforme a cupola centrale, una circonferenza inscritta a un poligono. Il tempio aveva tre piani.

In questo tempio sono presenti  ornamenti diversi. Il motivo principale degli ornamenti è il grappolo d’uva e il melograno. Gli archi e gli altorilievi presentano ornamenti floreali. Si trovano anche altorilievi dei costruttori del tempio. Le finestre rotonde sui diedri sono circondate da diverse cornici scolpite.

Il tempio sulla base circolare si delinea sul panorama del monte Ararat perennemente  innevato. Il tempio di Zvartnots occupa un posto di particolare rilievo non solo tra i tesori dell’architettura armena, ma anche mondiale.

 

 

facebooktwittergoogle_plus